Pagine

Z di Zagabria -Croazia- ultima tappa dell'Abbecedario Mondiale!


Ciao a tutti!
Oggi inauguro l'ultima tappa dello straordinario viaggio gastronomico virtuale intorno al mondo dell'Abbecedario Culinario Mondiale, un progetto ideato da Eloisa di Trattoria Muvara!



Siamo giunti alla Z, in questo caso è la Z di Zagabria, capitale della Croazia, splendida nazione piena di fascino, storia e cultura. Ci fermeremo qui da oggi fino al 3 aprile!

Entrata a far parte dell'Unione Europea solo recentemente -dal 2013- in passato fu parte del Regno d'Ungheria, successivamente dell'Impero Asburgico ed infine del Regno di Jugoslavia, fino a quando, nel 1991, ottenne l'indipendenza.
fonte:Wikipedia
Zagabria è il nome della capitale ed anche della regione sviluppatasi intorno ad essa, anche se Zagabria non ne fa parte perchè costituisce una regione a sè stante.
Zagabria è sede dei principali organi dello Stato (Parlamento, Governo, Corte Suprema) nonchè di tutti i ministeri.E' una città meravigliosa, piena di vita, di cultura, di storia. Il suo passato ne ha delineato i contorni attuali e ne ha fatto una capitale multiculturale, dove il passato e il presente si mischiano e si rincorrono, fondendosi in armonia e rendendo unica e meravigliosa questa città.

Sorge sulle rive del fiume Sava, ed è divisa in due parti: la città bassa -dove si trovano numerosi musei e teatri- e la città alta -che accoglie il centro storico. Queste due parti sono unite da una funiculare.
Città alta - Immagine da qui

Tra i principali monumenti e luoghi d'interesse della capitale croata troviamo la Cattedrale dell'Assunzione, costruita in epoca medievale che ha attraversato, come tutti gli edifici che si rispettino :-) numerosi crolli, distruzioni e ricostruzioni. La versione attuale risale all'ultima ricostruzione avvenuta nel 1880.

Immagine da qui

la piazza centrale della città, piazza Ban Jelačić, è intitolata al governatore che nel diciannovesimo secolo guidò le truppe croate contro l'Ungheria. 
 
il mercato Dolac, situato a pochi passi da Piazza Jelačić, è il fulcro del commercio di Zagabria fin dal 1930. Aperto tutti i giorni, gli agricoltori ed artigiani si riuniscono qui per vendere i loro prodotti sotto i caratteristici ombrelloni a strisce rosse e bianche.
Immagine da qui


la chiesa di San Marco, dall'inconfondibile tetto con le tegole che creano l'immagine dello stemma del Regno Asburgico di Croazia e della città di Zagabria
Immagine da qui


Il museo Mimara ospita un'enorme collezione d'arte (oltre tremila opere d'arte dal Medioevo al XX° secolo provenienti dall'Europa e dal Medio ed Estremo Oriente) donata da Ante Topić Mimara, collezionista e filantropo croato, morto a Zagabria nel 1987. Qui si possono ammirare alcune delle opere di Raffaello, Caravggio, Rembrandt, Manet, Degas, Renoir, Goya per citare i più famosi.

Immagine da qui


Insomma, Zagabria è un meraviglioso insieme di meraviglie architettoniche e paesaggistiche e qui, come dicevo ad inizio post, si possono trovare un pò di tutte le culture degli stati a cui è stata assoggettata; Austria, Ungheria, Jugoslavia, Trieste.. Naturalmente queste influenze hanno riguardato anche le ricette tipiche della cucina locale.
Un esempio ne sono i Cevapčići, piccole polpettine allungate di carne insaporite con cipolla e paprika. Molto diffusi nella penisola balcanica e nel nord est italiano nelle provincie di Udine, Trieste e Gorizia serviti con la salsa avjar, una prelibatezza fatta con peperoni rossi.
Il nome deriva dal persiano kebab, unito al diminutivo delle lingue slave -čići, da cui ćevapćići o ćevapi in alcune zone della Serbia. 
Le ricette che vi propongo me le ha gentilmente passate la mia amica Mari del blog Lasagnapazza, lei è una cara amica e un vero talento in cucina, vive a Trieste ma ha origini Piemontesi, Pugliesi e Liguri, ha sposato un Salentino e, come Zagabria, ha assorbito influenze di varie culture e popoli, il risultato è uno straordinaria sensibilità e un innato talento in cucina. Mari prepara spesso questi deliziosi cevapcici accompagnati con la salsa avjar.
Io li ho immaginati come un'allegra famigliola, eterogenea e pasticciona.
Così vi invito a conoscere i Cevapčići.. meet the Cevapcici! :)


Ćevapčići

Ćevapčići con salsa Avjar


Ricetta di Mari - Lasagnapazza
Per i  Ćevapčići
250 g macinato di manzo
250 g macinato di maiale
1 spicchio d'aglio
2 cucchiaini di paprika dolce
sale e pepe
farina


Tritate l'aglio finemente e mescolatelo alla carne, aggiungete la paprika, un pizzico di sale e una macinata di pepe nero.
Formate delle polpettine dello spessore e della lunghezza di un dito e passatele leggermente nella farina.
Fate riposare i cavapcici in frigo per mezz'ora poi cuoceteli su una griglia, su una piastra o una padella antiaderente.
Serviteli con qualche anello di cipolla tagliato finemente o con questa meravigliosa...

Salsa Ajvar


2 peperoni rossi dolci
1 peperoncino rosso piccante (facoltativo)
1 melanzana
1 spicchio d'aglio
3 cucchiai d'olio di girasole
sale

Lavate le verdure e ponetele intere su una teglia da forno.
Cuocete a 200°C per circa 20 minuti girandole ogni tanto.
Spellate i peperoni, togliete i semi e tagliateli a striscioline,
Scavate la polpa della melanzana, tritatela bene al coltello e mettetela in un tegame assieme ai peperoni, aggiungete l'olio e il sale. Fate cuocere coperto a fiamma bassa per 2 ore circa.


Allora vi aspetto con le vostre ricette croate!!
Immagine da qui

Le vostre ricette:


17 commenti:

  1. Risultato eccezionale Francy! Grazie per la citazione ma soprattutto grazie per aver fornito così tante informazioni su Zagabria, che io stessa, nonostante la vicinanza, conosco poco e che da come l'hai descritta merita di essere visitata per bene.
    Un bacione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Mari! Concordo, Zagabria è bellissima!

      Elimina
  2. Ciao Francy, grazie per la ricetta e per l'ospitalità!! E' l'ultima tappa del lungo viaggio, ma sicuramente proprio per questo ci sarà una valanga di ricette, io sono già al lavoro!! A prestissimo!

    RispondiElimina
  3. bellissima introduzione, complimenti per il post... ma non ti trovavo più ! sono entrata in crisi... come blog inesistente? invece eccoti qua, questo vestitino nuovo al blog è proprio su misura per te... il nome un programma! complimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Elena! ho cambiato il nome e la veste del blog qualche settimana fa.. grazie!

      Elimina
  4. Allora grazie a Mari per la ricetta e a te per ospitarci, ora torno a vedere che ti posso portare :-)

    RispondiElimina
  5. Come promesso ecco subito una prima ricetta, dolce naturalmente!!
    http://le-tenere-dolcezze-di-resy.blogspot.it/2016/03/presnac-il-tradizionale-dolce-di.html

    RispondiElimina
  6. Ciao Francy..ecco la mia ricetta:
    http://pinkopanino.blogspot.it/2016/03/trenenec.html
    Tanti auguri di buona pasqua!!!

    RispondiElimina
  7. Ciao, ti lascio il link del post che ho pubblicato per l'Abbecedario, si tratta di un confortevole e confortante secondo piatto :-)
    http://lacucinadianisja.blogspot.it/2016/03/polpo-quasi-sotto-la-peka-per.html
    Grazie per l'ospitalità, a presto ...

    RispondiElimina
  8. Eccomi con un secondo di carne ma anche un piatto unico,
    http://www.viaggiarecomemangiare.ifood.it/2016/04/pasticada-stufato-dalla-croazia.html

    ciao Marta

    RispondiElimina
  9. Ed ecco anche la mia ricetta! Purtroppo non ho potuto farne di più. Grazie di tutto!
    Piovitica: http://muvara.blogspot.com.es/2016/04/labbecedario-culinario-mondiale-povitica.html

    RispondiElimina
  10. Le tue vignette sono carinissime! Anche io ho fatto i cevapcici (ma non hanno un'aria cosi' simpatica come i tuoi ;)
    http://www.pulcetta.com/2016/04/recipe-cevapcici-cevapi-sausages.html
    Grazie per l'ospitalita'!

    RispondiElimina
  11. ciao carissima Francesca mi dispiace lasciarti solo questo misero risotto, non ho avuto tempo di fare altro mi dispiace proprio. Il nuovo blog è bello e le tue vignette le adoro come sai, un caro saluto
    http://unpezzodellamiamaremma.com/crni-rizot-risotto-al-nero-seppia/

    RispondiElimina
  12. Ciao Fra,
    eccomi come al solito di corsa e trafelata ma felice di aver cucinato anche per te!
    La chiamano pizza di patate croata, o meglio Trenenec, e devo già rifarla perchè è piaciuta molto: timo e maggiornana, secondo me, le danno il giusto sprint ;-)

    http://cindystarblog.blogspot.it/2016/04/trenenec-la-pizza-di-patate-croata.html

    Complimenti per i tuoi disegni, li ammiro sempre tanto!
    E grazie ancora per la tua ospitalità in questa tappa finale!

    RispondiElimina
  13. Ciao, riesco a chiudere io l'abbecedario? :P
    Ecco il mio contributo!

    https://dalbagnoallacucina.wordpress.com/?p=915&preview=true

    RispondiElimina

Ditemi la vostra!

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...